Lavoro

Come Promuovere la Propria Attività Imparando dalla Concorrenza

Quanto impegno ci vuole per concludere positivamente un progetto o vendere un servizio?
La sfida sarebbe trovare qualcuno disposto ad ammettere che è stato facile ed è costato poco impegno.
Tutti invece potranno riscontrare che è difficile emergere quando la concorrenza è molta, ma soprattutto quando la competizione con gli altri è molto agguerrita.

La concorrenza nel mercato c’è sempre stata e sempre ci sarà, fino a quando gli interessi economici delle parti saranno gli stessi. Pensiamo a grandi aziende quando si trovano ad affrontare la concorrenza, cosa fanno?
Osservando come si muovono queste grandi realtà si può riconoscere che la concorrenza è fatta basandosi su alcune regole condivise:

Prezzi competitivi
Anche se non è l’unico motivo per il quale una buona proposta commerciale deve essere valutata, il prezzo è uno dei fattori per i quali le offerte commerciali sono spesso prese in considerazione per essere paragonate. Attenzione però, a non sottovalutare l’impatto commerciale che potrebbe avere un prezzo troppo basso, si rischierebbe di vedere sottovalutato il proprio prodotto quasi come in un outlet cinese.

Nuovi servizi
Offrire nuovi servizi è sinonimo di azienda in continuo aggiornamento. Idee nuove e al passo con i tempi possono fare la differenza rispetto ad altre aziende dello stesso settore con lo stesso prodotto. Non sempre, però, i nuovi servizi sono percepiti nel mercato come convenienti, ma se saranno innovativi daranno un valore aggiunto e il tempo accrediterà questa strategia.

Fidelizzazione clienti
Una volta acquisiti i nuovi clienti questi andranno ad aggiungersi agli altri già acquisiti ed è di vitale importanza per il proprio business non lasciarli andare via. Bisogna trovare delle soluzioni che convincano il cliente a non farsi abbindolare dalla concorrenza. Il cliente ben fidelizzato, troverà sempre un motivo per dubitare della validità delle offerte concorrenti prima di prenderle seriamente in considerazione.

Soddisfazione clienti
Nel concetto di fidelizzazione bisogna porre attenzione anche alla soddisfazione del cliente. Non basta offrire sempre di più, ma bisogna mantenere alta la soddisfazione e garantire un rapporto diretto e affidabile con il proprio portafoglio clienti. Si può essere sempre un passo avanti rispetto ai concorrenti, ma se il cliente non segue, non si farà molta strada.

Promozione del marchio
Bisogna sapere valorizzare le proprie capacità e distinguersi dai concorrenti. Le tecniche adottate in questo ambito sono le più svariate dalla promozione online con le diverse opportunità offerte dei social network a quelle più tradizionali. Le campagne mediatiche daranno i loro frutti solo in base ai messaggi che ogni azienda tende rimarcare.
Come in ogni lavoro, anche i consulenti o freelance che esercitano la loro professionalità, hanno bisogno di distinguersi ed emergere dalla concorrenza. Come superare positivamente lo scoglio della competizione e farsi notare nel proprio mercato di riferimento? Iniziamo a pensare in grande, non siamo solo una persona, ma rappresentiamo la nostra azienda e come tale dobbiamo comportarci.

Promuovete voi stessi e le vostre qualità, offrite nuovi servizi ai clienti e verificate la soddisfazione di quelli esistenti, restate aggiornati su quello che vi circonda e fatelo vostro per trovare sempre un’onda da cavalcare.

Lavoro

Come Farsi Pagare di Più una Consulenza

In questi tempi, dove molti business trovano difficoltà a emergere c’è una condizione che continua sempre ad attrarre nuovi clienti e generare opportunità: i prodotti esclusivi.
Questi prodotti continuano ad attrarre nuovi clienti perché sono considerati uno status, e spendere per averli ha il significato di potere.

Provate a immaginare lo status sociale che è attribuito a chi guida una fuoriserie rispetto anche all’ultima utilitaria. Eppure entrambi posseggono vetture che sono state costruite con lo stesso scopo: portare da A a B.

Allo stesso modo è possibile costruire la consapevolezza che i servizi offerti da un consulente o freelance sono prodotti esclusivi diversi dai concorrenti.

Se un prodotto o servizio è confezionato come esclusivo, la possibilità che questo possa attrarre l’attenzione è maggiore soprattutto per chi sa di non potersi permettere certe condizioni.
Come possiamo realizzare qualcosa di esclusivo e associare l‘idea di un valore superiore alla media?
I corsi di marketing possono insegnare molto su come valorizzare un prodotto e renderlo unico, ma una condizione indispensabile è quella di iniziare ponendo particolare attenzione ai dettagli.

Quando vedete una pagina, solitamente la landing page, per vendita di un prodotto sul web (affiliate marketing ) provate a far caso a come sono costruite. Se il messaggio è ben strutturato si da molta visibilità ai vantaggi della soluzione e alla fine sembra quasi che quel prodotto stava proprio aspettando noi per essere acquistato.

A volte funziona, altre volte no, soprattutto quando vista una volta, tutte le altre sono uguali!!!!
Provate a distinguere il vostro servizio da tutti gli altri trovando un modo diverso di proporlo. Il senso di esclusiva è una delle chiavi del successo. Date la sensazione ai vostri clienti di poter guidare e permettersi una fuoriserie e sarete ricompensati perché sanno che hanno un prodotto esclusivo.

Soldi

Cose da Sapere per Affittare una Casa

Rifletti bene sul tipo di abitazione che vuoi prendere in affitto. Potresti avere bisogno di un mono o bilocale, oppure di un appartamento in condivisione con altri ragazzi. Risulta essere importante che tu abbia le idee chiare prima di iniziare qualsiasi ricerca. Visita più case, e non avere fretta di concludere per paura di perdere un affare. Se non stabilisci prima che tipo di casa ti serve e soprattutto quanto vuoi spendere, sarà un proprietario loquace a stabilirlo per te.

Visita la casa nei dettagli
Una volta trovata la casa che cercavi, osserva bene anche lo stato in cui si trova. Visita la casa più volte, magari in compagnia di amici e parenti più esperti che potrebbero cogliere aspetti che a te sfuggono. Controlla la luminosità e la disposizione delle stanze, la temperatura ambiente, e i rumori provenienti dall’esterno. Sta attento allo stato degli impianti idraulici, elettrici e di riscaldamento, degli infissi e dei pavimenti. Non sarebbe l’ideale trovarsi a combattere con la persiana che puntualmente si inceppa a metà, col rumore martellante della goccia d’acqua che cade dal rubinetto, o con la lavatrice che si avvia a suon di pedate! E ricorda che, anche se i lavori di sostituzione degli impianti e i lavori di ricostruzione sull’edificio sono a carico del padrone di casa, quelli sulle finiture (riparare porte, finestre, infissi, ripitturare una parete..) e sulle piccole riparazioni, dovrai pagarli tu!

Appartamenti condivisi
Se sei deciso a prendere in affitto una camera o un appartamento in condivisione, cerca anche di osservare e conoscere prima chi vivrà con te nella stessa casa. Approfondisci le abitudini degli altri inquilini, e spiega loro le tue esigenze, solo così potrai capire se ti trovi nell’ambiente adatto a te. Potrebbe capitare di non riuscire a trovare un accordo sugli spazi comuni, immagina se dovessi svegliarti la mattina con la musica a palla del tuo compagno di stanza, o trovarti con tutti i piatti nel lavandino e niente più nella padella!

Le agenzie immobiliari
Se proprio non riesci ad orientarti nell’intricato mondo degli affitti, se non hai il tempo di fare tutte le ricerche del caso, e soprattutto se desideri qualcuno a cui addossare la responsabilità di un cattivo affare, le agenzie immobiliari saranno il tuo punto di riferimento. Ti mettono in contatto con il proprietario di casa, ti danno tutte le informazioni di cui hai bisogno, e preparano per te la documentazione necessaria per concludere l’affare. Ricorda, però, che se tratti con un agente immobiliare per prendere in affitto una casa, anche senza aver firmato nulla, puoi trovarti comunque obbligato al pagamento della provvigione.

Cercare casa su Internet
Se vuoi gestire autonomamente la tua ricerca, puoi far riferimento ai numerosi siti internet di annunci affitti e compravendita. Ti sarai già fatto un’esperienza relativa ai portali di annunci online. Bene, sappi che ognuno di questi siti ha anche una sezione dedicata agli affitti di stanze, appartamenti, case, casali, ville, loft, castelli medievali, ruderi arroccati, fattorie.

Scegli la zona adatta
Traffico, caos e ingorghi sono all’ordine del giorno, per cui ti conviene riflettere bene sulla zona in cui andrai a vivere. Fai in modo di scegliere un quartiere che possegga i mezzi, le strutture e gli ambienti di cui hai bisogno.

Contratto di affitto
Se decidi di affittare una casa o una stanza, potresti ritrovarti in situazioni ambigue, dove il contratto tra te e il proprietario non è stipulato o non viene registrato. Diciamo pure che se l’irregolarità è un costume quantomai diffuso, un regolare contratto di affitto ti tutelerebbe nei confronti di eventuali abusi da parte del proprietario di casa e, se sei uno studente, ti consentirebbe di avere sconti e aiuti economici. Senza contare che se non paghi la tassa di registro, la tassa di registro sul contratto di affitto equivale al 2% del canone annuale, sia tu che il proprietario verrete multati. Per dettagli è possibile vedere questa guida sulla mancata registrazione del contratto di locazione.

Le fasi del contratto
Innanzitutto, devi sapere che esistono diverse tipologie di contratto d’affitto. Tutti i contratti, comunque, vanno registrati presso l’Agenzia delle Entrate entro trenta giorni dalla data di sottoscrizione, ed è il proprietario di casa che si occupa delle pratiche di registrazione. Il contratto, inoltre, può essere registrato anche attraverso il sito internet dell’Agenzia delle Entrate. In questa fase iniziale, oltre alla tassa di registro, devi versare una cauzione che per legge non può essere superiore alle tre mensilità.

Se si rompe un tubo
Quando prendi in affitto una casa di qualsiasi tipo (monolocale, bilocale, stanza in condivisione…) esistono alcune spese che spettano al proprietario, ed altre che invece toccano a te. Tu dovrai occuparti di pagare il servizio di pulizia, la gestione dell’ascensore, l’energia elettrica delle parti comuni, la fornitura dell’acqua e del riscaldamento e la spesa per il portiere, le spese di piccola manutenzione. Tutte le riparazioni straordinarie sono a carico del proprietario. Per eventuali chiarificazioni visita il sito del Sindacato Nazionale Unitario Inquilini ed Assegnatari

Se sei uno studente universitario..
Se la tua condizione è quella di studente universitario fuori sede, potrai avere particolari contratti d’affitto, con sconti e agevolazioni sia per te sia per il proprietario di casa (la tassa di registro, per gli universitari, è calcolata all’1,4% del canone annuale). Inoltre, potresti partecipare e risultare idoneo ad uno dei bandi di concorso emanati, ed ottenere una sistemazione tra le numerose residenze universitarie. Il criterio di valutazione è per merito e reddito, anche se può capitare che, pur risultando idonei, il posto letto tardi ad arrivare per mancanza di disponibilità.

Soldi

Come Calcolare Guadagno o Perdita di un’Opzione Put

Le opzioni Put sono una particolare tipologia di strumento derivato. Oggetto dell’opzione è la vendita di un sottostante a scadenza dietro pagamento di un premio, in questa guida vediamo come calcolare il guadagno o la perdita derivante dalla vendita di un’opzione put.

Premesso che esistono due tipologie di Opzioni, quelle Europee, esercitabili a scadenza e quelle Americane, esercitabili nell’intero periodo antecedente la scadenza.Vediamo come funziona una opzione put. Al momento della stipula l’acquirente di una Opzione Put, pagando al venditore un premio, acquisisce la facoltà di poter vendere a scadenza un determinato sottostante ad un prezzo fissato nel contratto.

In questa tipologia di opzione quindi il Compratore punta sul ribasso del prezzo del sottostante mentre il venditore sull’apprezzamento di questo. Vediamo ora con un esempio come calcolare il guadagno o la perdita derivante dalla vendita di una opzione Put. Una Opzione put prevede che a scadenza l’acquirente possa vendere il sottostante a € 150. Il premio corrisposto al venditore, al momento della stipula, è di 20€. Si possono verificare tre situazioni differenti a seconda del valore che il sottostante avrà a scadenza.

Primo caso, l valore del sottostante è maggiore del prezzo di vendita fissato. In questo caso l’acquirente non eserciterà il suo diritto di vendita e quindi il venditore guadagnerà l’intero premio, ovvero € 20. Secondo caso: il valore del sottostante è minore del prezzo di vendita, ma la differenza tra i due valori è inferiore al premio. In questo caso il guadagno sarà pari al premio, diminuito dalla differenza tra il prezzo e il valore del sottostante. Per esempio, se il valore a scadenza fosse € 140 il guadagno sarebbe pari € 10, ovvero € 20 – (150€-140€).

Terzo caso, il valore del sottostante è minore del prezzo di vendita e la differenza tra i due valori maggiore del premio. I questo caso il venditore avrà una perdita. Il calcolo viene fatto nello stesso modo, ad esempio se il sottostante vale 100€ a scadenza il guadagno sarà pari € 20 – (€ 150 – € 100) ovvero – € 30, quindi ho una perdita di 30 euro.

Lavoro

Quali Informazioni Inserire nel Biglietto da Visita

La risposta più semplice sarebbe quella di inserire i dati personali, ma ci sono alcune considerazioni che andrebbero fatte prima di far realizzare qualsiasi biglietto da visita.

Provate a prendere alcuni dei biglietti da visita che vi siete scambiati durante i vostri rapporti lavorativi negli ultimi anni. Cosa notate?

Biglietto da visita originale
La prima domanda da farsi è perché avete scelto proprio quello fra i tanti? Che cosa ha attirato la vostra attenzione? Forma, colore, tipologia di carta, caratteri, messaggio,originalità o il ricordo della persona che ve l’ha consegnato? Sono diversi i messaggi che possono essere letti da un semplice biglietto da visita, e tutti hanno un loro significato.

Cosa rappresento
Individuate quale messaggio volete far arrivare agli interlocutori. Se il biglietto da visita è aziendale è bene che oltre alla visibilità del logo sia chiaro anche quale sia il messaggio aziendale rispetto alla persona che lo propone. Le persone per un’azienda vanno e vengono i messaggi no. Se invece siete un libero professionista e rappresentate voi stessi, quello che deve apparire è l’associazione del vostro nome con la vostra professione.

Di che cosa mi occupo
Trovate il modo di descrivere con poche parole quali sono le vostre competenze. Date un forte messaggio alla persona che riceverà il biglietto di quello che siete in grado di realizzare, ma soprattutto che non gli farete perdere tempo quando vi contatterà per una richiesta. Scrivere un generico consulente o grafico senza specificare l’ambito professionale in cui si opera non aiuta certo a ricordarsi di voi a distanza di qualche tempo.Personalizzazione biglietti da visita

Come Contattarmi
Mettere i riferimenti per il proprio business è la parte fondamentale se volete essere ricontattati. Mettete tutti i recapiti che possono servire per mettersi in contatto, comprensivi di mail, numero fisso e cellulare. Molto spesso si trovano anche i dettagli di Partita IVa o informazioni non immediatamente indispensabile. Valutate attentamente se i vostri contatti hanno bisogno di tutte queste informazioni e regolatevi di conseguenza.

Personalizzazioni
Esistono diverse possibilità per realizzare dei biglietti da visita originali. Una ricerca sul web e troverete ottimi servizi, grafici, consulenti, e tools che vi possono aiutare nel realizzare biglietti da visita. Se però siete delle persone originali e volete trasmettere questa vostra caratteristica, cercate di trovare anche un formato diverso dallo standard che vi rispecchi. Per esempio si possono usare entrambe le facciate del biglietto, crearne di pieghevoli o colorati, l’importante è che il vostro messaggio sia in linea con quello che volete far apparire della vostra professionalità senza lasciare a priori un’opinione negativa.

Seguendo queste indicazioni è possibile creare un biglietto da visita molto interessante.