Soldi

Indici di Borsa da Conoscere

Gli indici rappresentano l’andamento (al rialzo o al ribasso) dei titoli facenti parte del paniere cui fanno riferimento.

Il peso che ciascuna azione ha sul paniere dipende dal rapporto tra capitalizzazione del singolo titolo e capitalizzazione complessiva del paniere che costituisce l’indice e periodicamente viene rivalutato.

I valori dell’indice vengono aggiornati minuto per minuto, durante ogni seduta di Borsa.

Mibtel
Il Mibtel è il più importante indice di Borsa, in quanto rappresenta l’andamento di tutte le azioni quotate.

Il valore base, alla data di partenza, era di 10.000 punti.

Il valore viene aggiornato, di minuto in minuto, sulla base dei prezzi ufficiali degli ultimi contratti conclusi.

Per il calcolo del Mibtel, alla fine di ogni giornata borsistica, si considera l’ultima quotazione registrata da ciascun titolo. La sua variazione percentuale giornaliera, evidenzia la differenza degli ultimi prezzi registrati nella giornata di riferimento, (al rialzo o al ribasso), rispetto alla giornata precedente.

Lo stesso indice, in After Hour si chiama Mibtel-s.

Mib30
Risulta essere l’indice rappresentativo dei primi trenta titoli (facenti parte del Listino Ufficiale) emessi da società ad alta capitalizzazione. La composizione di tale paniere titoli viene aggiornata ogni sei mesi (a marzo e a settembre), con il calcolo della capitalizzazione media (su base semestrale) di ciascuno.

Il valore base del Mib30, alla data di partenza, era di 10.000 punti.

Durante la seduta di Borsa viene calcolato ogni minuto, come media dei prezzi dell’ultimo contratto concluso per ogni titolo (procedura di fixing).

Il valore finale del Mib30 viene calcolato prendendo in considerazione i prezzi di chiusura, realizzati da ognuno dei trenta titoli di riferimento.

Midex
Rappresenta l’andamento delle venticinque azioni di società a media capitalizzazione (quotate su Borsa Italiana) immediatamente successive (in ordine di capitalizzazione media) a quelle del Mib30.

La composizione dell’indice viene rielaborata ogni sei mesi (come per il Mib30).

Il valore base era 10.000 punti.

Durante la seduta di Borsa i prezzi vengono calcolati minuto per minuto, in base al prezzo dell’ultimo scambio concluso per ciascun titolo (come per il Mib30).

Numtel
Rappresenta l’andamento delle azioni quotate sul Nuovo Mercato.

Risulta essere calcolato giornalmente sulla base dei prezzi degli ultimi contratti conclusi per ciascuna azione.

Il valore base era di 1.000 punti.

La composizione del paniere è aggiornata in corrispondenza dell’emissione di nuove azioni sul Nuovo Mercato. I pesi che ciascun titolo ha sul paniere vengono aggiornati quattro volte all’anno

Soldi

Obbligazioni e Rischi da Conoscere

Esistono diversi tipi di rischi a cui l’investitore si espone comprando un titolo obbligazionario. Segue una breve descrizione dei principali rischi legati ad una obbligazione

Rischio dell’emittente
rischio che il soggetto emittente dell’obbligazione (stato o società privata) non paghi le cedole,
non rimborsi il capitale alla scadenza o paghi le cedole o il capitale in ritardo. Questo rischio
si misura con i rating assegnati dalle agenzie di rating

Rischio di mercato
nel momento in cui si decide di vendere l’obbligazione prima della scadenza, rischio di non trovare una controparte interessata a comprarla. Questo accade per le emissioni meno “liquide”, cioè di importi ridotti e con emittenti non conosciuti.

Rischio di interesse
Presente solo per le obbligazioni a tasso fisso, relativamente a cui è possibile leggere questa guida su Leobbligazioni.com.
rischio che il prezzo di mercato dell’obbligazione cambi perchè sono cambiati i tassi di mercato. Questo rischio si misura con la duration: duration alta = rischio alto

Rischio di cambio
presente solo per le obbligazioni espresse in valuta diversa dall’euro. Visto che cedole e capitale sono pagae in una valuta diversa, il controvalore in euro dipende dalle fluttuazioni del cambio.

Soldi

Borsa e Mercati Azionari

La Borsa è il mercato regolamentato dove gli strumenti finanziari vengono quotati.

Questa è suddivisa in diversi comparti:

– MTA (Mercato Telematico Azionario) e MCW (Mercato Covered Warrant);

– TAH (Trading After Hour) e MCWTAH (Mercato Covered Warrant After Hour);

– MOT e MTS (Mercati Telematici Obbligazioni e Titoli di Stato);

– MPR (Mercato Telematico Contratti a Premio).

Di seguito approfondiremo quello dedicato alle azioni.

MTA (Mercato Telematico Azionario)

E’ il comparto del mercato di Borsa in cui si scambiano azioni (ordinarie, privilegiate, di risparmio), warrant, diritti di opzione, obbligazioni convertibili e certificati rappresentativi di quote di fondi mobiliari ed immobiliari chiusi (quotati in Borsa).

Dal 2 aprile 2001 MTA è stato suddiviso, in base alla capitalizzazione degli strumenti trattati, nei seguenti comparti :

Blue Chips:

azioni di società ad alta capitalizzazione.

STAR:

azioni di società con medio – bassa capitalizzazione (inferiore a 800 milioni di euro), operanti nei settori tradizionali dell’economia.

Segmento di Borsa ordinario, suddiviso a sua volta in due classi:

1) Classe 1: con azioni di società che non hanno i requisiti per essere ammesse allo STAR (con capitalizzazione inferiore a 800 milioni di euro).

2) Classe 2: azioni che fanno parte dei titoli sottili (che hanno scarsa liquidità).

Le azioni con diritto di voto limitato sono negoziate nel segmento in cui si trovano le azioni ordinarie corrispondenti; lo stesso vale per le obbligazioni convertibili ed i warrants, (negoziati nel segmento dove si trovano le azioni di compendio corrispondenti).

Le quote di fondi chiusi vengono negoziate nella Classe 2.

Il parametro di oscillazione massimo rispetto al prezzo di riferimento delle azioni scambiate su MTA è + / – 10 %.

Nella fase di Pre-Apertura i negoziatori possono immettere, modificare e cancellare proposte di negoziazione (PDN), che verranno eventualmente eseguite in fase di Apertura. Le PDN possono essere immesse al prezzo di mercato o con limite di prezzo.

Nella fase di Validazione il sistema valida il Prezzo Teorico di Apertura a cui verranno eseguiti gli ordini.

Nella fase di Apertura il sistema conclude automaticamente i contratti, abbinando le proposte di segno contrario immesse durante la Pre-Apertura (che siano compatibili col prezzo d’apertura). Le proposte non abbinate vengono inviate alla successiva fase di Negoziazione.

Nella fase di Negoziazione Continua i negoziatori possono immettere, modificare e cancellare PDN e PDN VAC (Valide in Asta di Chiusura).

Nella fase di Pre-Chiusura i negoziatori possono immettere, modificare e cancellare le PDN che verranno eventualmente eseguite nella fase di Chiusura.

Il sistema espone le VAC (proposte Valide in Asta di Chiusura) che ha validato e ordina il book in base alla priorità (di prezzo e di momento di immissione).

Nella fase di Chiusura, (preceduta dalla fase di Validazione del Prezzo Teorico di Chiusura), il sistema abbina le proposte di segno contrario, concludendo automaticamente i contratti.

Spezzature

Le spezzature sono quantitativi di strumenti finanziari inferiori al lotto minimo trattabile nel mercato di riferimento.

Secondo quanto disposto da Borsa Italiana S.p.A., dal 14 gennaio 2002 è stato eliminato il lotto minimo di negoziazione per le azioni negoziate su MTA (Blue – Chip, STAR, segmento di Borsa ordinario-Classe 1, segmento di Borsa ordinario-Classe 2), su mercato “After Hours” e su Mercato Ristretto) Quindi, le relative azioni e le quote di fondi comuni mobiliari e immobiliari chiusi vengono negoziate per un quantitativo minimo pari ad uno.

Per quanto riguarda gli altri strumenti possiamo fare le seguenti specifiche :

il lotto minimo per obbligazioni convertibili, (quotate su MTA e Mercato Ristretto) e warrants, (quotati su MTA) viene fissato in sede di ammissione alla quotazione;

il lotto minimo per diritti di opzione viene determinato nell’avviso relativo all’aumento di capitale o in quello relativo all’asta dei diritti inoptati (diritti non esercitati – venduti, durante l’aumento di capitale).

Pertanto, in riferimento agli strumenti finanziari sopracitati, nel caso in cui venga inserito sul mercato un ordine per un quantitativo minimo diverso dal lotto minimo negoziabile, la parte non intera dell’ordine sarà negoziata sul mercato delle spezzature.

Il mercato delle spezzature ha solo la fase di apertura (dalle 8:00 alle 9:20). Gli ordini inseriti nella fase di negoziazione continua saranno visibili sul book e parteciperanno alla prima apertura del giorno successivo di Contrattazione. E’ indispensabile indicare il periodo di validità della proposta (da un minimo di due ad un massimo di novanta giorni). Non è possibile limitare il prezzo.

TAH (Trading After Hour)

E’ il mercato regolamentato serale gestito da Borsa Italiana S.p.A., in cui si negoziano azioni quotate.

Il Mercato After Hours è operativo dal 15 maggio 2000 ed ha regole simili all’MTA:

è possibile inserire ordini al meglio o con limite di prezzo;

è possibile vendere su TAH titoli acquistati nella fase del mercato diurno MTA e viceversa;

non è possibile inserire ordini in apertura in quanto non e’ prevista, sul mercato TAH, questa fase di negoziazione;

non è possibile inserire ordini a revoca e spezzature (dove permangono lotti minimi).

In questo comparto e’ possibile negoziare solo determinati titoli, tra cui alcune azioni del MIB30, del MIDEX e del Nuovo Mercato, con contrattazioni fino alle 20:30.

Nuovo Mercato

E’ un mercato regolamentato gestito da Borsa Italiana S.p.A. ed in esso si negoziano azioni ordinarie di emittenti nazionali ed esteri con elevate prospettive di crescita .

Il Nuovo Mercato e’ nato nel novembre del 1999 per rispondere alle esigenze di finanziamento delle piccole e medie imprese che operano in settori ad alto sviluppo tecnologico.

In questo mercato sono quotate le azioni delle società della New Economy

Anche per il Nuovo Mercato e’ prevista la contrattazione serale

Mercato Ristretto

E’ un mercato regolamentato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. in cui si negoziano azioni, obbligazioni e warrants non ammessi alla quotazione ufficiale di Borsa.

Il Mercato Ristretto e’ nato nel 1977 per permettere la quotazione e la negoziazione di quegli strumenti finanziari che, anche essendo oggetto di numerosi scambi, non sono “idonei” ad essere ammessi alla Borsa Ufficiale (per particolari condizioni legate agli stessi, come clausole di prelazione o di gradimento).

Per il Mercato Ristretto non e’ prevista la fase di contrattazione serale.

Lavoro

Come Migliorare la Produttività

Siete anche voi tra quelli che perdono facilmente la concentrazione, che guardano la casella di posta elettronica ogni minuto, che passano da un’attività all’altra senza portarne a termine una?
Anzitutto, provate a smettere di procrastinare con l’aiuto di questo video e poi forse è il caso di lasciar perdere con il multitasking imparando a concentrarsi su una cosa per volta, grazie ai 7 consigli che Tony Wong, esperto di project management, ha lasciato sulle pagine di Inc.

Ridimensiona le attività
Mettere in cima alla vostra to do list un’attività poco specifica o poco mirata è il modo migliore per assicurarsi di non portarla a termine. Dividete piuttosto la macro attività in tante piccole sezioni, da completare in poche ore. Delineando le attività in questo modo sarete certi a fine giornata di poter individuare ciò che effettivamente avete fatto.

Stop al multitasking
Ne abbiamo parlato anche su LinkedIn, il multitasking è croce o delizia dei lavoratori?
Dipende molto dalle mansioni e dalla capacità organizzativa del singolo, ma di certo passare con velocità da un’attività all’altra in qualche caso non aiuta a focalizzare gli obiettivi. Pare che la confusione mentale generata da un approccio multitasking al lavoro faccia scendere il QI in media di 10 punti.

Diventa un paladino della concentrazione
Il primo obiettivo, per raggiungere tutti gli altri, sarà quello di avere un’attenzione maniacale nell’eliminare le distrazioni. Chiudete la porta dell’ufficio, spegnete il telefono, non scrivete sms né email. C’è bisogno di un’azione drastica? Spegnete del tutto la connessione Internet per il tempo sufficiente che vi servirà a completare un’attività.

Programma le mail
La gestione delle mail in entrata e in uscita è un problema recentemente balzato alle cronache; pare infatti che le aziende perdano 20 giorni per dipendente all’anno a causa sua. Senza fare dell’allarmismo, un buon consiglio è quello di individuare due o tre momenti della giornata da dedicare all’evasione della posta elettronica evitando di controllarla ogni due minuti.

Prendi il telefono
L’email non è lo strumento giusto per conversare, per parlare, per spiegarsi. Se uno scambio di email diventa troppo lungo e macchinoso, è senza dubbio meglio prendere il telefono.

Fedele all’agenda
Non lasciate che siano gli altri con le loro richieste a impostare i vostri ritmi di lavoro. Avete già organizzato l’agenda con quello che dovete fare e le giuste priorità? Bene, seguitela passo passo, ovviamente con la sola flessibilità verso le emergenze, quelle vere però.

Intervalli di 60 o 90 minuti
Le attività mentali sono quelle che bruciano più glucosio di qualsiasi altro esercizio fisico. In particolare, il picco di disattenzione si ha dopo circa 60 o 90 minuti. Per questo, organizzate le vostre attività in intervalli di un’ora, un’ora e mezza e poi prendetevi un pausa, facendo uno spuntino, prendendo un caffè o facendo due passi. Volete qualche altra dritta per il time management? Scoprite le tre tecniche per la gestione del tempo al lavoro più in voga.

Molto interessante.

Lavoro

Come Fare Team Building

Il team building viene percepito sempre più come uno strumento a disposizione delle aziende sia per stimolare i dipendenti a un atteggiamento positivo nei confronti del proprio lavoro e dei colleghi, sia per aumentare benessere e produttività dell’intera struttura aziendale.
Avete intenzione di ospitare eventi di team building nella vostra azienda? Vi proponiamo 10 possibilità, semplici da organizzare e non troppo dispendiose in termini di tempo e denaro, per favorire l’incontro fra un team di lavoro:

Pranzo di discussione, Organizzate un pranzo per tutta l’azienda, un dipartimento o solo un gruppo di persone. Assegnate a ciascun gruppo, composto da circa 10 persone, il compito di discutere su questioni lavorative, scambiandosi opinioni in merito alle proprie attività e mansioni. Un modo divertente per creare gruppi eterogenei è quello di mettere sotto ogni piatto o bicchiere un numero e chiedere alle persone con lo stesso numero di riunirsi in un determinato posto, stimolando così il confronto tra reparti diversi.

Scambio di colleghi per un giorno, prevedete uno scambio di ruoli tra reparti per una giornata, invitando un collega a trascorrere del tempo presso un settore diverso dal suo. Spesso le difficoltà di comunicazione nascono dalla mancanza di informazioni, dal non capire perfettamente i flussi di gestione delle attività, a volte dal non sapere nemmeno di che cosa si occupi il vicino di scrivania.

Spazi per la collaborazione, preparate una stanza dove posizionare qualche poltrona, una macchinetta del caffé e chiedete ai colleghi di organizzare lo spazio come preferiscono; è un modo utile di gestire le pause, aumentando le possibilità di discussione e confronto tra tutti.

Club della lettura, la letteratura su temi legati al mondo del lavoro è molto prolifica e ogni anno ci sono diversi libri in uscita che parlano di organizzazione, economia, team building ecc. Come azienda, potreste acquistarne qualche copia da mettere a disposizione dei colleghi più interessati, lasciandoli liberi di organizzare degli incontri durante i quali discuterne insieme.

Ice breaker, abbiamo visto che tipo di contributo dà e in quali contesti possa essere utile avere in azienda qualcuno che aiuti a rompere il ghiaccio. Non si tratta di una vera e propria figura professionale, è molto probabile che ne esistano già all’interno del vostro organico; oltre alle riunioni, l’ice braker sarà molto utile quando viene introdotta una nuova persona in un gruppo per facilitarne l’inserimento.

Job shadowing, incentivare questa pratica servirà a dare maggior consapevolezza a persone esterne su tutto quello che viene fatto ogni giorno da ciascuna persona in azienda. Si tratta della possibilità di trascorrere del tempo tra i vari uffici, ricevendo una formazione sul posto molto più utile di qualsiasi job description o presentazione. Servirà inoltre a far capire alle persone quali percorsi professionali sono possibili nella vostra azienda, favorendo la soddisfazione delle proprie aspirazioni personali.

La figura del mentore, sapere che una persona, soprattutto appena assunta, potrà contare su un mentore è molto utile. Questo tipo di figura, infatti, funge da guida o consigliere nei confronti di un neo-assunto o di persone all’inizio della propria carriera, insegnando i trucchi del mestiere, mettendo al servizio la propria esperienza e introducendo all’ambiente di lavoro. Ma non esiste solo il one-on-one mentoring; un’altra opportunità per favorire il team building è quella di prevedere alcune sessioni di formazione con figure senior per gruppi di dipendenti, anche inseriti da tempo nell’organico.

Accordi con ristoranti, i pranzi aziendali sono occasioni molto utili al team building soprattutto se consumati fuori dall’ufficio e al di fuori degli orari lavorativi. Per questo, potete cercare un ristorante in zona ma a una giusta distanza dall’ufficio con cui stringere un accordo per dei prezzi agevolati e prevedere la condivisione di un pasto tutti insieme in un clima più informale, adatto a conversazioni più leggere.

Sponsorizzazioni per eventi, si può spaziare dall’evento sportivo anche a livello dilettantistico, a cui potranno partecipare i colleghi più in forma, o ancora concerti o serate di beneficenza o manifestazioni locali. Oltre ad un ritorno d’immagine per il brand, sicuramente contribuirà ad aumentare il senso di partecipazione delle persone ai valori aziendali.

Fitness, è un ottimo strumento anche per tenere a bada lo stress e allontanare la stanchezza dei colleghi. Potete prevedere delle sessioni di attività legate al fitness e al benessere psico-fisico. Se in azienda avete una stanza adatta, potete prenotare un weekend in qualche SPA o con la bella stagione chiamare un allenatore che gestisca delle lezioni all’aria aperta, delle camminate al parco o dei giochi di squadra; ci sono già aziende che hanno sperimentato il rugby.