Browse Category by Soldi
Soldi

Come Revocare l’Amministratore di Condominio

Affidare la cura e la manutenzione del nostro edificio o del nostro condominio ad un amministratore, non è un compito da considerare di poco conto. In questa breve guida, considereremo insieme per quali motivi un amministratore di condominio può essere revocato.

Tieni presente che, un’assemblea di condominio può revocare l’amministratore in qualsiasi momento, assemblea al termine della quale dovrà essere redatto il verbale, anche se non ricorre una giusta causa. Se però l’amministratore prova che la revoca non è giustificata, può esigere il risarcimento dei danni. La revoca può essere anche tacita, se viene nominato un nuovo amministratore senza che il precedente sia stato revocato.

Se l’assemblea non si attiva, la revoca può essere disposta dal Tribunale, su iniziativa anche di un solo condomino, qualora l’amministratore sia sospettato di gravi irregolarità (mancanza di presentazione del rendiconto), o anche se ad esempio fa affluire i contributi condominiali sul proprio conto corrente invece che su quello intestato al condominio.

Ricordati, che l’amministratore cessato dalla carica deve tempestivamente consegnare la documentazione condominiale al suo successore, e non potrebbe trattenerla, per esempio, adducendo di non essere stato rimborsato di una spesa anticipata nell’interesse del condominio, non essendoci interdipendenza fra le due prestazioni.

Soldi

Come Riconoscere Le Banconote False

Non è bello, magari trovarsi al supermercato, e sentirsi dire “signora, mi dispiace ma i soldi con cui sta pagando sono falsi!” Infatti, la possibilità che ci vengano rifilate banconote false è in agguato. Allora ecco alcuni consigli per riconoscerle senza  bisogno di utilizzare un rilevatore di banconote false tipo questi.

Per riconoscere una banconota falsa, innanzitutto dovrai mettere la banconota in questione a confronto con quella vera, su un piano preferibilmente nero. Nella zona bianca, sulla sinistra, c’è un disegno e, sotto, la riproduzione del valore. Nella banconota falsa, questi due elementi sono assenti o molto sfocati.

Nella banconota vera, invece, la cifra appare con un colore nitido, ben definito, marcato e scuro. Se tu muovi le banconote da 50, 100 o 500 la cifra riprodotta sul retro, cambia sfumatura di colore, mentre, chiaramente nel falso il colore rimane invariato. Se osservi la striscia olografica dorata o argentata, potrai notare anche la cifra corrispondente al valore e il simbolo €. Nella banconota vera è molto brillante mentre nel falso è più spenta.

Se guardi in controluce una banconota vera è possibile individuare nel mezzo una sottile linea scura, che nel falso appare più sbiadita. Per finire, sul fronte delle banconote, è presente una scritta sottolineata che inizia per BCE: bene, questa scritta è stampata in rilievo nelle banconote vere, mentre nelle banconote false è quasi sempre assente.

Soldi

Come Investire in Toscana

Investire in Italia oggi può essere una scelta azzardata o un rischio calcolato.
In un periodo in cui il “bel paese” attraversa una fase di recessione ma con una forte tendenza a riformare i settori più in crisi, è confortante la notizia che ultimamente siamo rientrati tra le 25 nazioni sulle quali i capitali stranieri hanno investito di più.

Dal 2006 non rientravamo più nella lista, ma nonostante il fatto di occupare una posizione inferiore rispetto a Germania e Regno Unito la notizia è da accogliere positivamente.
In questo contesto si inserisce un progetto coordinato dalla Regione Toscana e dall’agenzia di promozione turistica Toscana Promozione insieme agli enti pubblici, che prende il nome di Invest In Tuscany.
Il progetto ha come finalità quella di guidare le imprese e gli investitori stranieri in tutte le fasi del processo di investimento e promuovere i progetti e le opportunità che la regione Toscana offre.
Che cosa spinge un investitore straniero ad investire in Toscana?
Il sito Invest in Tuscany traccia una linea guida sui settori principali che rendono la Toscana una regione ricca di opportunità: dal settore turistico al settore della nautica, passando per la meccanica e le nuove tecnologie.
Come molti di noi sapranno la Toscana offre molte eccellenze nell’ambito della ricerca (a cominciare dalle Università) che possono partecipare alla realizzazione di progetti finanziati da capitali stranieri, non ultimo uno sviluppo massiccio dell’impegno a produrre energia elettrica ricavata da fonti rinnovabili.
La green economy rientra dunque nel piano di sviluppo della regione Toscana, in cui è prevista la realizzazione di un distretto apposito e che punta a raddoppiare la produzione di energia verde.

Le politiche economiche della regione Toscana dunque guardano al futuro attraverso un progetto che investe tutte le aree economiche e di business che la regione può offrire.
I servizi per gli investitori sono molteplici e comprendono ogni fase del processo di investimento a partire dalle fasi preliminari, all’accompagnamento dell’insediamento e alla fase successiva, fornendo assistenza personalizzata e gratuita.

Soldi

Stop Loss e Take Profit – Cosa Sono

Prima di iniziare ad investire nei mercati, e in particolar modo nel mercato forex, è necessario che tu conosca alcuni termini, o meglio strumenti, che servono a fare trading in modo razionale. A tal proposito voglio ricordarti che un trading che non risulti razionale equivale ad una puntata al casinò.

STOP LOSS E TAKE PROFIT

Questi due strumenti ti saranno estremamente utili nel mercato, grazie a questi infatti puoi impostare degli ordini automatici di vendita o di acquisto una volta che il prezzo di mercato abbia raggiunto una soglia da te indicata.
Esiste una vera e propria antologia sull’esatto posizionamento degli stop loss e dei take profit, ma di questo parleremo in seguito. Vediamo di capire prima di cosa si tratta e a cosa possono mai servirci questi sconosciuti strumenti.

STOP LOSS

Il nome già da un’idea di cosa possa essere lo strumento di trading di cui stiamo parlando. Stop loss significa letteralmente: ” ferma la perdita “. Lo stop loss è semplicemente un ordine automatico che viene dato al broker, il quale lo eseguirà anche se non aiete fisicamente al computer.
Facciamo subito un esempio pratico per capire cosa realmente sia lo stop loss:

Stiamo investendo nel mercato forex sulla coppia eur/usd, ci troviamo in prossimità di un’area di supporto e prevediamo un rimbalzo del prezzo con conseguente inversione di tendenza. A questo punto apriamo una posizione di acquisto a 1.3200 e impostiamo uno stop a quota 1.2950. Se il prezzo arriverà ad 1.2950 l’investimento si concluderà in automatico, fermando le perdite.

TAKE PROFIT

Il vecchio detto recita: taglia le perdite e lascia correre i profitti, in questo caso il take profit, al contrario dello stop loss, si traduce in: prendi il profitto. In un certo senso il take profit è utile quando si aprono posizioni veloci seguendo i supporti e le resistenze dinamiche, allora si imposta, prima ancora di entrare a mercato, sia uno stop loss sia un take profit per evitare di non essere in grado di gestire tempestivamente la posizione. In tutti gli altri casi, e cioè quando stiamo seguendo una tendenza di lungo periodo, il take profit è pressoché inutile, si utilizza in questo caso, uno stop loss dinamico, che consente di conservare i profitti ottenuti e di staccare l’investimento nel caso in cui il prezzo subisca una variazione ed arrivi a toccare un’area da noi designata.

Soldi

Analisi Tecnica Forex – Come Iniziare

Quali sono le più cose più semplici cose che hai studiato o conosciuto in analisi tecnica che è possibile utilizzare nel Forex Trading? Ovviamente, la maggior parte risponderà a questa domanda, senza nemmeno pensarci, le linee di tendenza, i punti di supporto, la resistenza e le medie mobili. I commercianti più professionali ci penseranno di più e risponderebbero le linee di tendenza, resistenza, punti di supporto e medie mobili. Ma chi li può utilizzare da soli con successo?

Qui è il mio turno di rispondere: le linee di tendenza, resistenza e i punti di supporto e medie mobili sono i migliori modi e i più semplici per raggiungere il successo Forex trading e mantenere nella zona positivo sempre.

Giusto per rendere semplice il tutto, abbiamo bisogno di dare la definizione di questi strumenti per sapere come utilizzarli e applicarli alla nostra tabella, al fine di avere successo e di costruire una vera e propria fortuna con il FOREX.

Trend Line: la linea di tendenza è la linea che possiamo tracciare tra due o più parti superiori di prezzi o fondi su un grafico lineare, a barre o candele, che va a individuare i trend. Nota: la linea che tocca più cime o fondi è più forte e il segnale prodotto è più affidabile.

Trend Canale: Un canale di trend è lo spazio tra le due linee, la linea di tendenza e una linea parallela ad essa, che è sempre disegnato sul lato opposto della linea di tendenza. Il canale di tendenza richiede alcune condizioni dato che invia un segnale accurato e le più importanti sono: deve essere un canale largo, dato che così è più ampio e più affidabile per durare più a lungo.

Moving Average: la media mobile è una media matematica di una serie di prezzi, che si definisce media mobile semplice (SMA), con valore di 5 e applicata per chiuderel somma dei prezzi di 5 bar in movimento sul grafico diviso a 5. Nota: io suggerisco di usare più di una media mobile, 2 o 3 sono accettabili.

Punti di supporto e resistenza: si tratta di punti di appoggio che sono i punti di prezzo che sono stati testati più di due volte quando il prezzo stava andando in basso e non poteva passarli. I punti di appoggio sono completamente all’opposto. Questi punti vengono utilizzati per misurare la probabilità di prezzo trasformate in punti medi, questi punti possono essere decisi mediante punti di articolazione, i tassi di fibonacci …. ecc

Molto interessante.